Skip to content

Je ne veux plus étudier le français!

giugno 12, 2009

Ieri sera credo di essermi veramente incazzata, ma proprio tanto, per la prima volta da… boh, quantomeno da quando ho aperto questo blog.
Antefatto.
Il corso di francese che seguo è abbastanza impegnativo. 6 ore alla settimana, Martedì e Giovedì dalle 18 alle 21, subito dopo il lavoro. Non dico che sia impossibile seguirlo, dico solo che è pesante… sommato al lavoro, alle trasferte, al corso di tessuti, al fatto che voglio anche vedere i miei amici e G (per carità, tutte cose che faccio volentieri, e son fortunata a poterle fare!), questi ultimi mesi ho avuto veramente poco tempo per altre cose (tipo pagare le tasse, per fortuna c’è ancora un po’ di tempo!).
Il corso è pensato principalmente per i lavoratori, ma ci sono anche parecchi studenti Erasmus. Non credo sia necessario sottolineare le differenze fra me che lavoro in inglese ed ho coinquilini italiani ed uno studente Erasmus che passa le sue giornate in università seguendo le lezioni in francese…
La frequenza è obbligatoria, mi pare sia richiesto un minimo del 75% delle presenze.
Fatto.
Questo semestre ho dovuto viaggiare parecchio per lavoro, e di conseguenza ho perso un bel po’ di lezioni. In particolare, nel corso del semestre abbiamo visto un po’ alla volta un film, di cui logicamente io ho visto l’inizio e la fine ma non la parte centrale.
Quando sono tornata dalla Florida mancava poco agli esami, così sono andata dall’insegnante e le ho chiesto se avrei potuto sostenere gli esami nonostante le assenze. Mi ha detto di sì, quindi ho fatto firmare al mio capo un foglio che giustificasse le assenze lavorative e mi sono preparata.
Ieri arrivo a fare l’esame scritto, e mi viene consegnato un foglio con 2 domande.
La prima è sul film… ovviamente sulla parte di film che non ho visto.
Chiamo l’insegnante e le faccio presente che non avendo visto tutto il film non conosco la risposta alla domanda. E lei mi dice “Allora non rispondere, ma sappi che perderai i punti”. Al che io la guardo allibita (perché veramente ho fatto fatica a credere che fosse seria!) e le dico “Ma non posso raccontare l’inizio o la fine del film, che ho visto? O inventarmi la parte in mezzo?”, e lei ci pensa un attimo e poi dice “Se vuoi puoi, ma ad ogni modo non potrai ottenere il punteggio pieno”.
Ora, brutta stronza, te devi esaminare la mia conoscenza del francese, non la mia conoscenza del film!!! E se proprio vuoi assolutamente parlare del film, almeno avvisami, l’avrei noleggiato e guardato per conto mio!!!
La mia reazione istintiva sarebbe stata quella di alzami, ridarle il foglio e andarmene. Solo che quando faccio queste cose d’impulso la metà delle volte poi me ne pento, quindi sono rimasta seduta pensando al da farsi.
Altra possibilità: parlo con l’insegnante e le spiego che l’esame dovrebbe essere sul francese e non sul film. Possibilità non attuabile, perché purtroppo io ho questa cavolo di cosa che quando mi arrabbio automaticamente piango (ho sempre pensato fosse una reazione psicologica ma sto seriamente iniziando a pensare sia fisica, sembra esserci un interruttore negli occhi che si attiva appena apro bocca per discutere con qualcuno!), e il melodramma nel bel mezzo dell’esame non ero proprio sicura sarebbe risultato gradito a tutti…
Insomma, alla fine sono rimasta seduta e ho fatto la parte dell’esame che ero in grado di fare, e basta.
Però mi è rimasto veramente l’amaro in bocca, non so se passerò l’esame e mi interessa il giusto perché comunque non avevo intenzione di proseguire col corso (almeno per ora), ma è il principio che secondo me è profondamente ingiusto.
Adesso sono (momentaneamente) disgustata dal francese e ieri ho costretto G a parlare in inglese tutta la sera!
Fra parentesi, dopo l’esame ho raggiunto Patty che era a cena fuori con alcuni nostri amici (G incluso), abbiamo cenato tutti insieme e poi siamo andare a fare 2 chiacchiere io e lei, sono felice che sia qui!
… E alla fine le cose importanti sono queste, non quel cazzo di esame :-)

Annunci
One Comment leave one →
  1. utente anonimo permalink
    giugno 16, 2009 3:08 pm

    brutta zoccola francese!!! ma perchè invece di fare piagnistei non l’hai picchiata???!!!
    cmq se avevi paura di piangere potevi spiegarti per scritto sul compito…tanto il punteggio pieno non potevi averlo lostesso ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: