Skip to content

Parì Parì (e altro)

ottobre 19, 2009

Buondì! Vediamo se oggi riesco a raccontarvi un po’ di cosette, visto che ultimamente ho avuto veramente poco tempo per scrivere…

Allora, intanto, sono tornata ieri sera da Parigi, dove ho passato il weekend insieme a un amico italiano. C’è poco da dire, Parigi è sempre bella, ogni volta che ci vado mi viene voglia di viverci, non per sempre ma per una cosa tipo 6 mesi o anche 12, in modo da vederla dal punto di vista di un abitante anziché di un turista… Oddio, è vero che ultimamente questa cosa mi succede con tutte le città, mi aveva fatto lo stesso effetto Berlino… Ed è anche vero che io con Parigi ho un culo sfacciato perché l’ho beccata sempre, sempre, col sole, temo che se mi ci trasferissi rimarrei un bel po’ delusa!
Comunque, c’ero già stata ma è così grande che c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Stavolta è toccato alla chiesa di Saint Eustache e al vicino jardin des Halles, alla vista dal tetto del centro Pompidou, alla piazza del Louvre di notte che è veramente magica, con la Pyramide e le distese d’acqua e la torre Eiffel sullo sfondo…
Sono stata anche alle gallerie Lafayette (alla 5a volta a Parigi c’è il bonus shopping, lo sapevate, no?), non c’ero mai stata e meritavano una visita… E ho comprato un paio di ballerine. Occorreva andare fin là per un paio di ballerine? Eh sì, perché mi servivano viola scuro e non riuscivo a trovarle da nessuna parte… in fondo al post capirete.
Il commesso 24enne mi ha dato lo scontrino e insieme il suo numero di telefono, e scusate ma fa soddisfazione a 31 anni rimorchiare i 24enni! Era pure carino, ma mi hanno rubato il sacchetto del negozio con la scatola delle scarpe (le scarpe no, perché sono Astuta e le avevo messe in valigia) e il numero era nella scatola, quindi sono al riparo da ogni tentazione.
Sono tornata ieri sera alle 2 e stamattina, come si evince dal post sotto, ero un po’ in coma.

La presentazione comunque è andata. Dovete sapere che la prossima settimana sarò a New Orleans, c’è un congresso e un mio studio è stato accettato e dovrò presentarlo. Ero già un po’ preoccupata in partenza perché dovrò parlare in inglese davanti a un pubblico tutto americano e la cosa mi spaventa un po’, in più qualche giorno fa ho ricevuto un’e-mail in cui mi si comunicava di essere stata selezionata per il premio giovane ricercatore per questo studio… Il che è una bella cosa, per carità, ma ha fatto aumentare la pressione su di me in maniera esponenziale. Quindi, presentazione preparata la settimana scorsa e fatta una prima volta (senza provarla prima, visto che ero a Parigi!) stamattina di fronte a colleghi statistici, nonché capi vari, qua al lavoro… Per fortuna è andata bene, devo rivederla un po’ e poi sono pronta per il patibolo.

Continuando a ritroso… Non vi ho ancora comunicato la mia importante Scoperta Scientifica. Ho scoperto come mai il succo d’arancia, una volta aperto, deve essere tenuto in frigo. Io sono un’acerrima nemica del succo d’arancia freddo così lo lascio sempre fuori, ma di solito lo finisco nel giro di qualche ora. L’altro giorno invece non sono riuscita a finirlo, così sono andata a casetta e ho lasciato la bottiglia sulla scrivania. La mattina dopo l’ho preso in mano per fare colazione e faceva un rumore strano, tipo un sibilo… ho pensato che ci fosse un po’ d’aria e, visto che sono Astuta, ho iniziato a svitare il tappo per farla uscire… e il succo d’arancia è semplicemente esploso. E’ finito ovunque, sulla scrivania, sui miei vestiti, su documenti vari, sulla tastiera… Ho pulito tutto e ho buttato la bottiglia nel cestino, da dove ha continuato per tutto il giorno a sibilare in maniera sinistra.
La scoperta collaterale è che non si può proprio accompagnare il cornetto al cioccolato con l’acqua… ho ripiegato sul latte caldo.

Sempre a ritroso, non vi ho ancora raccontato niente dello scorso weekend, che pure è stato carino. E’ venuto Davide a Bruxelles, Sabato sera siamo usciti con vari amici, ci siamo presentati al ristorante col mojito in mano, ci hanno guardato un po’ perplessi ma non ci hanno detto niente (eh no, il ristorante non serviva mojito). Domenica invece abbiamo fatto un giro in zona Jeu de Balle, adoro questa parte di Bruxelles, è la mia preferita per perdere tempo durante il weekend…

E infine… vabbè, non era proprio economicissimo… e forse non me lo metterò mai… ma… ma io non avevo neanche un vestito da principessa! O principersa, che mi si addice di più.

HA069

Annunci
14 commenti leave one →
  1. utente anonimo permalink
    ottobre 19, 2009 2:54 pm

    ihihih, ora che ho scoperto il blog e come lasciare commenti imperverserò!
    ma con chi eri a parigi? e chi è davide??

  2. ottobre 19, 2009 2:56 pm

    se non ti firmi non posso rispondere, potresti essere una spia del governo!

  3. utente anonimo permalink
    ottobre 19, 2009 5:36 pm

    uffa o come si fa a scrivè col nome?? cmq ero e sono ila

  4. utente anonimo permalink
    ottobre 20, 2009 6:55 am

    wooooooooooooooooooooooooooow
    sally ;)

  5. ottobre 20, 2009 9:09 am

    ilaaa, ciao!!! non importa "scrivere col nome", basta scrivere "ila" in fondo al commento.
    a parigi ero con lucio. si noti che al ritorno (ieri sera) gli hanno cancellato l’aereo. doveva prendere stamattina alle 6 un aereo per bergamo (quindi notte in aeroporto) e poi tornare a lucca in treno. prima gli ho mandato un sms per sapere se era vivo e mi ha risposto che stava guidando (?) e che gli hanno perso la valigia!
    davide invece non lo conosci, è un ragazzo di pescara che vive qua in belgio e che ho conosciuto perché è amico della mia collega cecilia.
    sono stata esauriente???

  6. ottobre 20, 2009 9:15 am

    sally, è bello vero??? poi lascia stare che me lo metterò per andare a buttare la spazzatura, però la soddisfazione di averlo…

  7. utente anonimo permalink
    ottobre 20, 2009 12:45 pm

    cristina:
    ma sei uno schianto con quel vestito…se io indosso una roba del genere assomiglio ad un sacco della spazzatura!!!!

  8. utente anonimo permalink
    ottobre 20, 2009 1:15 pm

    tassativo devi metterlo (non per andare  a buttare la spazzatura ;))) perchè stai trooooooooooppo bene!! per il resto, complimenti sai ? sono sicura ke avrai un successone!! :)
    sally
    ps domenica provo a fare l’arrosto di cui il post sulle ricette d’autunno!

  9. utente anonimo permalink
    ottobre 20, 2009 1:27 pm

    ma congratulazioni "Premio giovane studiosa"!! Se ti viene consegnato un premio in una serata di gala potrebbe essere un occasione per metterti il vestito da tappeto rosso…quindi l’acquisto del vestito ti stimolerà a fare nuovi studi e vincere premi…ERGO è stato un acquisto utile, e i soldi li hai spesi bene… 
    silvia

  10. ottobre 21, 2009 7:59 am

    @ cristina: no, no, nessuno può sembrare un sacco della spazzatura con quel vestito, te lo assicuro!

    @ sally: mi fa piacere che tu voglia provare una mia ricetta!
     
    @ silvia: la tua teoria mi piace veramente molto. però mi sento in dovere di specificare che per il momento mi hanno solo candidato per il premio, non è che l’ho vinto!

  11. emptyout permalink
    ottobre 21, 2009 2:55 pm

    Sono stato due volte a Paris e tutte e due le volte non mi e’ piaciuta.Una volta per un concerto di Bob Dylan allo Zenith,un altra volta come turista.
    Se debbo fare un confronto mi piace piu’ Londra,ma molto molto di piu’,cosi come non mi piace la Torre Eiffel,ma tant’e’ i gusti son gusti no?
    L’unica cosa che mi piace e’ la parlata francese…debbo dire che in una donna,ha qualche cosa di affascinante!
    I succhi d’arancia idem,non mi piacciono quelli confezionati,l’aranciata deve essere fresca di giornata,e il succo poi deve essere passato in un colino,cosicche’ i semini e la polpa residua rimagono in disparte,allora si che e’ una bonta’! e soprettutto il succo d’arancia non deve esser zuccherato.
    Byeeee!

  12. ottobre 22, 2009 9:11 am

    si dice sempre che o si ama londra o si ama parigi… io decisamente parigi!

  13. novembre 4, 2009 7:11 am

     questo vestito è splendido e i tuoi racconti che ho scoperto oggi sono avvincenti…e io che ero venuta per chiederti se volevi partecipare al contest DOP!:D ciao!

  14. novembre 4, 2009 10:52 am

    bevnvenuta! mi piacerebbe partecipare al contest (che fra parentesi è un’idea bellissima) ma non so se sarà possibile, anche perché vivendo all’estero faccio un po’ di fatica a reperire certi ingredienti… però ci penso! grazie per l’invito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...