Skip to content

Dei malvagioni che girano per Bruxelles

giugno 11, 2013

Pausa per fare il punto delle TRE brutte avventure che ho avuto in questo periodo intenso di viaggi.

(1)

Questa me la sarei dimenticata subito se non ci fossero state le successive, ma già che ci sono mettiamola nel mucchio. Allora, 24 Maggio, prendo l’autobus per andare a Charleroi, il biglietto costa 13 euro e io pago con 24, quindi devo avere 11 di resto. L’autista mi dà subito 10 e poi dice “1 euro e il biglietto te li porto dopo”.
Voi li avete visti?
Non è per l’euro di resto che pazienza, è il fatto che non avendo staccato il biglietto io non sono risultata come passeggero e quindi i miei 14 euro se li è intascati l’autista. Ma un po’ di onestà no?!

(2)

Questa è quella più pesa.
Allora, Domenica 26 torno dall’Italia tardino, tipo verso le 23. Scendo dalla metro e ho borsa a tracolla, zaino sulle spalle e trolley. Sulle scale per uscire due tizi mi bloccano, quello davanti mi impedisce di avanzare e quello dietro mi apre lo zaino alla ricerca di cose da rubare. Di fatto, tornando io dall’Italia ed essendo una brava immigrata, nello zaino c’erano solo pomodori! Comunque, mi hanno spaventato a morte, perché mi sono sentita intrappolata. E di fatto, nel panico mi sono girata di scatto col trolley in mano, e non volendo ho colpito quello dietro col trolley… beh, vi lascio immaginare dove! E quindi poi quello davanti è scappato, quello dietro è rimasto sulle scale in agonia e chiamandomi puttana, e io sono corsa a casa terrorizzata e continuando a girarmi per vedere se mi seguivano.
Insomma, alla fine non è successo niente, però mi sono spaventata tanto e adesso da quella stazione di metro non ci passo più (cosa non facile visto che è di strada per andare in un bel po’ di posti e adesso devo fare dei giri assurdi con l’autobus!).
Dimenticavo la parte divertente che ovviamente c’è… quando malvagione 1 mi si è avvicinato e mi ha spaventato volevo dirgli “Tu es trop près” (sei troppo vicino) ma nel panico mi sono sbagliata e gli ho detto “Tu es trop propre” (sei troppo pulito)!

(3)

E infine, il 30 Maggio il mio aereo di ritorno da Ginevra ha fatto tardi e io sono arrivata all’aeroporto di Bruxelles alle 2 di notte, e quindi per andare a casa ho dovuto prendere un taxi. Il taxista mi chiede la destinazione, poi chiede “Altre persone vanno in centro?”, e due persone dicono di sì e le carica. Arriviamo davanti a casa mia che il tassametro segna 45 euro, io gli do 15 e lui dice “No, devi darmi 45!”, e io dico “Cosa?? Ma si divide!”, e lui insiste che dobbiamo pagare 45 a testa, e io ci discuto un po’ ma le altre due persone (una vecchietta e un tipo che non parlava francese) non mi danno manforte e nel frattempo due macchine con a bordo tizi dall’aria poco raccomandabile si fermano dietro di noi, il che è strano perché dalla mia strada non passa mai nessuno, e quindi alla fine nel dubbio pago, ma mi è rimasta addosso una rabbia tremenda.

Ma hanno aperto le gabbie? Ma non c’è rimasto nessuno di onesto al mondo? O sono io che ho un karma particolarmente negativo? Ma poi soprattutto. Ma perché a me? Ma non sono già sufficientemente spaventata? Cazzo faccio la pipì nei sacchetti dell’IKEA! Forse devo fare anch’io la settimana di purificazione. E’ stato quell’arrosto di maiale, lo so.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Nilde permalink
    giugno 17, 2013 4:03 pm

    Cara Francesca,ma in che parte del mondo vivi?E’ piu’ sicuro vivere a Bruxelles o a Palermo,Scampia,o nei sobborghi di Chicago?Ciao.Nilde

  2. giugno 18, 2013 7:19 am

    guarda, non saprei. però stiamo pensando di andare in sicilia in vacanza quindi magari ti saprò dire presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...