Skip to content

Di (non) gestione della rabbia

agosto 13, 2014

Ecco, ho finito colazione e adesso davanti a me ci sono DUE piatti tutti pieni di briciole che aspettano di essere lavati. Son cose belle!

Inizio di mattinata un po’ rock&roll, anzi, no.

Inizio di mattinata dolce col mio Orso, come sempre. Ci siamo svegliati e lui è andato a farsi la doccia e io sono andata in bagno a bagnare lo straccetto che su ordine del medico devo passare sul mio occhietto malato (in realtà grazieaddio è malata la palpebra, non l’occhio, calazio che non se ne va!) mattina e sera e sono tornata a letto con lo straccetto in una mano e un libro nell’altra. Poi piano piano mi sono alzata, ho fatto la doccia e ho preparato la borsa.

Poi però siamo usciti e lì sono cominciate le menate. Menata numero uno, Orso ha trovato la macchina con uno specchietto staccato. Cose che capitano, abitiamo in centro, però una cosa la vorrei dire: te, stronzo/a ubriaco/a che ti senti in diritto di spaccare una cosa non tua senza motivo, te sei uno dei relitti umani che rendono questo mondo uno schifo e che mi hanno portato alla decisione di non avere figli. Ecco. E comunque questa cosa non mi ha toccato più di tanto. Quella che invece mi ha proprio fatto incazzare è successa poco dopo, quando una ragazza alla guida non ha visto la nostra macchina che era dietro (credo nell’angolo cieco) e ci ha tagliato la strada. Orso ha dovuto sterzare bruscamente per evitare l’incidente e ha suonato il clacson e lei che non si era resa conto di niente ha accostato e l’ha insultato. Ecco, questa invece mi ha proprio fatto rabbia. Poi lei è andata a destra e noi a sinistra e quindi non c’è stato seguito, non abbimo potuto né insultarla (che comunque sarebbe servito a poco) né spiegarle che era in torto, che invece sarebbe stato importante se non altro per evitare che lo faccia di nuovo!

Insomma, cazzate come potete vedere. Però adesso io sono furiosa con la ragazza e non so come farmela passare visto che non ce l’ho a portata di mano per parlarci. E paradossalmente dello specchietto mi importa poco, di lei tanto. Voi che fate quando vi ritrovate in mano una palla di rabbia e non sapete dove tirarla?

PS: ci sono cose molto più importanti per cui arrabbiarsi, lo so… ma relativizzare non funziona!

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: