Skip to content

Weekend + una ricetta per Valù: plumcake da colazione al cioccolato e caffè

ottobre 26, 2015

Esco da un weekend strapieno, bello però, per fortuna sono riuscita a fare tutto respirando, stando rilassata e godendomela!

* Giovedì *

Allora, Giovedì c’è stata la famosa cena. È andata molto bene, ci siamo divertiti, il cibo è uscito bene e lei non ha sospettato nulla! KOK è stato un cameriere perfetto! Non ho praticamente fatto foto perché il mio cellulare era in sala, collegato allo stereo per la musica. Dunque abbiamo solo le quattro che metto sotto.

Avevo organizzato tutto come se fosse un vero piccolo ristorante segreto, con tanto di nome (Little One & Bear) sul campanello e sulla porta.

01

La sala così come l’avevo preparata, ma questa foto l’ho fatta di pomeriggio; la sera ho abbassato le luci e acceso le candele. Hanno preso l’aperitivo sul divano e poi si sono spostati al tavolo per la cena.

02

Panini all’olio appena sfornati

03

Questa l’ha fatta KOK, è l’inizio della preparazione del piatto dei dolci, qua mancavano ancora i mini zuccotti, i bignolini e tutte le decorazioni!

04

È stata un’esperienza bellissima, ma ne sono uscita distrutta e pure un po’ ammaccata visto che per cucinare tutto la scorsa settimana ho dormito in media 4 ore a notte e alla fine ero così stanca che per tagliare la zucca mi sono tagliata io!

Menu to print (cliccate per scaricare il file) (spero funzioni)

* Venerdì *

Venerdì ero dunque ben decisa a uscire dal lavoro presto e morire sul divano. Le cose non sono andate così. La mia collega Irina, che abita poco fuori Bruxelles, mi ha chiesto di andare a cucinare da lei il giorno successivo. 6 adulti a cena il Sabato e 4 a pranzo la Domenica, più svariati bambini.
Inizialmente ho detto no. Poi ho detto forse. Alla fine ho detto sì.
Quindi uscita dal lavoro sono andata a fare la spesa e poi ho passato la serata a casa passando dal divano, dove guardavo “How I Met Your Mother” con Bram, alla cucina, dove pre-preparavo un po’ di cose.
Bram ha sporto reclamo!

* Sabato *

Il compagno di Irina è passato a prendermi alle 11 e mi ha portato da loro. Hanno una casa bellissima con un giardino meraviglioso! Ho cucinato fino alle 15:30 circa, facendomi aiutare dai bambini (la grande ha pelato le carote e i piccoli hanno tritato un pacchetto di savoiardi A MANO), ed ecco cosa abbiamo preparato:

  • un focaccione con i pomodorini per l’aperitivo, buono per grandi e piccini ho pensato, minimo sforzo massimo risultato
  • delle tartellette di pasta brisée con scalogno, zucchine e scamorza affumicata, da servire come antipasto su un’insalatina con pinoli tostati
  • un mega pentolone di ragù, che qua in Belgio va per la maggiore e alla fine non è un gran lavoro, una volta messo su fa da sé (e ovviamente gli avevo comprato le tagliatelle e il Parmigiano)
  • una 10ina di piccoli tiramisù ai lamponi per dessert, e ne è uscita anche una tegliettina per i piccini!

Non lo volevo fare perché ero stanca e volevo rilassarmi, ma in realtà è stato piacevole e rilassante (complici i bimbi che come tutti i bimbetti qua sono degli angeli). Mi hanno prelevato, mi hanno riportato a casa e mi hanno pure pagato!

Alle 16:40 ero a casa. Alle 17 sarebbero arrivate Laura e Serena per un tè/merenda che ho messo insieme in 20 minuti netti! E abbiamo passato due ore a chiacchierare e mangiare (avevo saltato colazione e pranzo quindi in pratica Sabato ho fatto un pastone solo, come i cani!).

La sera io e Serena siamo andate a teatro. Lei ha visto e io ho rivisto Joséphina. E di nuovo me lo sono proprio goduto!

05

Siamo uscite dal teatro verso le 21:30 e non avevamo fame. Che si fa? Io mando un sms a Bram.
Io: “Che fai?”
Bram: “Ceno e poi guardo un film”
Io a Serena: “Sere, io allora andrei a casa così guardo anch’io il film con Bram, se non ti dispiace”
Serena: “OK!”
Io a Bram: “Vengo a casa, mi aspetti per il film?”
Bram: “OK, vado a prendermi delle patatine fritte intanto!”
Serena: “Anch’io voglio le patatine fritte!!!” (eravamo in place Jourdan e in mezzo alla piazza c’è un’enorme baracchina di patatine fritte)
Serena: “Vediamo quando c’è il prossimo 59. Il 59 lascia te alla fermata della metro e porta me a casa.”
Io: “OK.”
Usciamo dal teatro e il 59 ci passa davanti!
Io: “Vabbè, a ‘sto punto mettiti in coda per le patatine, e io tengo d’occhio il sito della STIB per vedere quando arriva il prossimo 59.”
Serena fa la coda. Serena ne esce con un enorme cono di patate fritte. Serena prende anche la maionese. Sono passati 20 minuti e il 59 che dovremmo prendere è ancora al deposito.
Alla fine vedo che parte, Serena butta la maionese e ci spostiamo verso la fermata. Arriva.
Serena: “Eccolo!”
Autista dell’autobus: “Te, con le patatine! Non puoi salire! Non si mangiano le patatine sull’autobus!”
Insomma alla fine sono scesa anch’io e siamo andate a piedi fino alla metro mangiando le patatine e siamo arrivate a casa che erano quasi le 23!

Piccina con patatine. Foto fatta col cellulare, Bruxelles autunno 2015.

06

Per fortuna Bram mi aveva aspettato. Abbiamo guardato “Still Alice”, bello ma tristissimo!!! E poi a nanna. Nel cuore della notte è arrivato pure Gabriele, un amico di KOK che KOK non poteva ospitare e quindi gli ha dato le chiavi di casa nostra ed è venuto da noi!

* Domenica *

Complice l’ora in più mi sono svegliata prestino, mi sono fatta una doccia e sono andata a comprare croissant e pain au chocolat.

Brunch io, Bram e Gabriele.

Poi io e Bram siamo usciti per andare a comprarci dei panini. Bram aveva scoperto un posto specializzato nei panini al formaggio e nell’attenzione al cliente. Vere entrambe le cose. Il commesso perde circa 10 minuti con ogni cliente. Avevamo 3 persone davanti e quindi ci abbiamo messo 50 minuti ad avere due panini. Valevano la pena però!

Felici e paninodotati ce ne siamo andati a Meise. Spettacolo come sempre!!

07

08

09

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

Rientrati da Meise alle 17, dalle 17:30 alle 19:30 ho lavorato per finire una cosa. L’ho inviata.

E poi io e KOK siamo andati a cena da Dani! Bella serata e bella compagnia!

* Plumcake al cioccolato e caffè *

Chiudo con la ricetta che mi aveva chiesto Vale. L’originale si trova qui.

100 gr di burro
125 gr di zucchero
2 uova
200 gr di farina
8 gr di lievito
50 gr di cioccolato fondente
100 gr di caffè
2 cucchiaini di caffè liofilizzato

Separare albumi e tuorli e montare gli albumi a neve.
Montare il burro insieme allo zucchero. Aggiungere i tuorli.
Aggiungere la farina, il lievito e il caffè e mescolare bene.
Aggiungere infine gli albumi montanti e il cioccolato spezzettato.

Cuocere a 180° per 30 minuti.

20

La foto fa schifo, però è buono!

2 commenti leave one →
  1. ottobre 26, 2015 3:02 pm

    Dio mio! Che cibo da urlo, che foliage meraviglioso, pure io adoro How I met your mother. Yeaaaaaaahhhhhh

  2. ottobre 27, 2015 8:42 am

    allora se un giorno passate da qua si magna, poi si va a meise (bram ha l’abbonamento e si entra gratis in 4) e infine si muore sul divano guardando how i met your mother! :-D

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: