Skip to content

Toscana e rientro (aka casa e casa!)

novembre 18, 2015

00

“Ma te guarda che bella che è la mia Toscana. Ma vedi quante cose che ci sono da fare a Firenze. Ma quanto idiota sono che ci ho abitato parecchi anni e non sono mai entrata in un museo? Ah, ma adesso ho 10 giorni e me la giro tutta tutta tutta, adesso mi rifaccio, adesso me la stritolo e me la strapazzo per bene, la mi’ bella Toscana!”

Questi erano (più o meno) i miei pensieri mentre leggevo la Lonely Planet Venerdì 6 Novembre sull’aereo verso mezzanotte, alla ricerca di nuovi posti in cui portare Bram visto che in quelli che conosco l’ho portato già. E mentre ero in tali pensieri assorta il pilota ha fieramente annunciato: “Ecco, siamo atterrati a BOLOGNA!”

:-O

No, non ho sbagliato aereo… semplicemente l’aeroporto di Pisa era chiuso per nebbione. Long story short story, ho noleggiato una macchina con Flanzo e altri due tizi raccattati all’aeroporto (di Bologna) e per l’entusiasamente cifra di DUECENTOTTANTANOVE euro (diviso 4) per le 2 del mattino circa ero a Lucca!

Ho dormito da Valù ed è da Valù che Sabato mi sono svegliata. Abbiamo fatto colazione insieme, le ho quasi ucciso il gatto (l’ho chiuso nel divano letto, orrore e raccapriccio, non mi inviterà mai più!) e mi sono stupita rendendomi conto che la sua finestra dà su un campo coi cavalli. Poi mi ha portato a casa, giusto in tempo per pranzo. Ah no! Mentre Vale dormiva io, che mi ero svegliata presto, sono andata a prendere un caffè con Silvietta! Come potei dimenticarlo!
Pomeriggio a casa a giocare con la mia nipotina Sofia, che adesso che ha 3 anni finalmente mi riconosce e inizia a darmi soddisfazione!
Sera aperitivo con Veronica, anzi no, non aperitivo: siamo andate in un lounge bar e mentre tutti intorno a noi ni davano di aperitivo noi bevevamo tè col mignolino sollevato! Poi siamo andate a cena Da Ildo, e lì c’è stata la carrambata: Bram, che era partito in macchina da Bruxelles col suo amico Neil la mattina stessa ed era quindi atteso nel cuore della notte, ha fatto molto più veloce del previsto e ci ha raggiunto lì! Per fortuna era stanco morto e interessato esclusivamente al cibo e non alla conversazione, dunque io e Vero abbiamo potuto continuare a chiacchierare in italiano indisturbate. Porzioni non super abbondanti ma neanche scarse e cena ottima, da tornarci! E dopo cena subito a nanna.

01

02

Domenica sveglia presto io e tipo a mezzogiorno Bram. Io, Sofia, sua sorella Martina e sua mamma Ilaria abbiamo fatto una torta per il compemanno di Sofi, tutte insieme! Poi pranzo in famiglia, e nel pomeriggio io e Bram siamo andati a fare un giretto a Montecarlo dove doveva esserci la festa dell’olio e del vino novello. C’era ma era un po’ una cagata e mi sono un poco intristita, adoro questi paesini toscani ma al calar del sole mi deprimono. Poi però siamo tornati a Lucca e c’erano i negozi aperti e un sacco di gente in giro e sono stata di nuovo felice! Aperitivo, cena alla Drogheria e nanna!

Lunedì siamo stati in Lunigiana. Sembra impossibile ma non c’ero mai stata! Siamo partiti da Pontremoli, carina, e abbiamo mangiato super bene all’Osteria della Bietola, straraccomandata. Ci siamo poi diretti verso Filattiera, abbiamo visitato la pieve romanica, bellissima, e poi siamo saliti a fare un giretto nel paesino. Il paese successivo è stato Filetto o Il Paese Fantasma: delizioso ma completamente deserto. Surreale. Dopo un po’ ci siamo accorti che gli abitanti erano tutti in chiesa (alle 16 di Lunedì?!), tranne quelli che erano alla sala scommesse e due che erano in giro e parlavano da soli. :-O L’ultima tappa è stato Bagnone, molto carino pure questo, e un po’ più vivo per fortuna! Abbiamo fatto un mini trekking (detto anche “Scivolando sulle foglie bagnate”) e poi ci siamo infilati in un negozietto che ci ha rifornito di pesto, testaroli e miele. Cena a casa!

03

04

05

06

Martedì mattina abbiamo preso l’autobus per Firenze. Organizzata al volo la mattina precedente mentre Bram dormiva, avevo prenotato un albergo per una notte e la visita guidata di Palazzo Vecchio. Basta.

Che dire? Nonostante la visita del papa abbia impacciato un poco la circolazione, i due giorni che abbiamo trascorso a Firenze sono stati meravigliosi. La visita di Palazzo Vecchio ci ha aperto gli occhi e ci ha trasportato in pieno Rinascimento, e dopo Firenze non è più stata la stessa, pareva di vedere ovunque Cosimo ed Eleonora e Francesco e Bianca. Idealmente dopo Palazzo Vecchio sarebbe stato carino (e logico!) visitare Palazzo Pitti, noi invece ci siamo dedicati alla chiesa di Orsanmichele (vista solo da fuori putroppo, ma già da fuori merita) e a Palazzo Medici Riccardi, con la Cappella dei Magi e gli incredibili dipinti che contiene. Il giorno successivo è stato dedicato alla basilica di San Lorenzo, l’abbiamo fatta tutta tutta tutta, includendo la Biblioteca Laurenziana e soprattutto le Cappelle Medicee WOW!!! Pomeriggio museo casa di Dante, ‘na cagata invece, non ci andate.
È stato bellissimo e non vedo l’ora di tornarci per andare avanti col mio viaggio nella storia!

Toscana la seconda settimana di Novembre tutta la vita comunque. Il tempo era meraviglioso e non c’era NESSUNO, non abbiamo dovuto fare coda da nessuna parte! E al tempo stesso tutto era aperto, non come quando andiamo a inizio Gennaio che troviamo sempre tutto chiuso per ferie.

Informazioni pratiche: abbiamo soggiornato all’Hotel Olimpia, 69 euro in due con colazione (buona), in pieno centro. Basic ma straraccomandato pure questo, per il rapporto location/prezzo! Abbiamo pranzato sempre da Nerbone al piano di sotto del Mercato Centrale, buonissimo. Abbiamo cenato da Vini e Vecchi Sapori, buono ma me lo ricordavo meglio. Ah e per l’aperitivo siamo andati in Santo Spirito, consigliato.

Aneddoti: Mercoledì siamo tornati a Lucca in treno e mentre andavamo verso la stazione io ho detto a Bram “Uuuh guarda quanti uccelli!” e un uccello mi ha cagato in faccia. Non in testa, in faccia. :-( Siccome era verso l’angolo della bocca sono corsa in farmacia schifatissima per comprare il collutorio, ma c’era la coda e perdevamo il treno. Allora sono entrata in un bar e ho chiesto un limone ma non ce l’avevano. Alla fine mi sono mangiata il gel igienizzante…

07

Giovedì siamo scesi verso la Maremma. Ci siamo fermati a pranzo a Livorno al Romito, bello perché sul mare ma il cibo non merita. Abbiamo proseguito con Bolgheri, Castagneto Carducci e il famoso Viale dei Cipressi. Siamo riusciti persino a fare una sosta in fattoria per comprare il vino e l’olio novo! Nel tardo pomeriggio siamo arrivati a Prata, minuscolo paesino vicino cui ha la casa Neil (non abbiamo fatto in tempo a parcheggiare che già tutti i vecchietti ci stavano scrutando dalla finestra!). Ma non era finita: perché, io non lo sapevo, la casa di Neil non è nel paesino, la casa di Neil è nella foresta, fra alberi e cinghiali selvatici!

E per due giorni ho scoperto una Toscana che non conoscevo. Una Toscana antica, dove i lavori sono stagionali (d’Inverno taglialegna d’Estate contadino), la gente è tutt’uno con la terra e i cacciatori ci sono e sono tanti e cacciano non per hobby ma per mangiare. Persino la lingua era diversa!

Due giorni siamo rimasti nella casa di pietra, e abbiamo osservato le tracce dei cinghiali e abbiamo visitato Massa Marittima e il Sabato siamo andati a San Giovanni d’Asso, verso Montalcino. Abbiamo mangiato a La Tana dell’Upo a Boccheggiano, molto buono, e in un altro posto a Massa Marittima che invece non mi ha esaltato. E anche a casa, abbiamo fatto le lasagne salsiccia e cime di rapa nella cucina economica! Siamo stati anche a Follonica, alla Coop, e davanti al banco dei formaggi io e Bram siamo stati colti dalla sindrome di Stendhal.

08

09

10

11

12

13

14

15

16

Sabato da San Giovanni d’Asso Bram e Neil sono tornati in Maremma mentre io sono andata a casa, a Lucca. Cena a casa e poi serata con TUTTI i miei amici, c’erano proprio tutti, anche KOK e PLP e Fede che sta a Bolzano e Ila che sta a Torino!

Domenica pranzo a casa per festeggiare il compleanno di mio fratello Roberto e serata con amici.

17

E Lunedì aereo! Mi ha portato all’aeroporto Silvia e ci è entrato un lunghissimo caffè, che Dio sa quanto ci voleva!

Ero molto, molto angosciata all’idea di tornare in Belgio. Per fortuna i miei non mi hanno fatto pesare la partenza, proprio per niente, nonostante fossero preoccupati anche loro (più che altro per aver visto preoccupata me). E ancora di più per fortuna, vivo da così tanti anni a Bruxelles che l’effetto “casa” è stato più forte dell’effetto paura. Bram è venuto a prendermi alla fermata dell’autobus. Siamo andati a casa, ci siamo stretti forte e ci siamo addormentati.

Aneddoto finale: ieri sono rientrata dal lavoro e ho scoperto che quel cazzone di PLP, che era stato da noi mentre eravamo via, aveva lasciato la porta del terrazzo aperta. Era dunque stata aperta da Mercoledì fino a ieri e poteva essere entrato chiunque. Ovviamente mi sono messa in testa di avere il letto pieno di terroristi e ho costretto Bram a controllare ovunque prima di entrare in casa. Terroristi non ce n’erano, ma guardate cosa ho ritrovato! Che classe, che eleganza! Per chi guarda “How I Met Your Mother”: posso fare concorrenza a Ted!!!

18

6 commenti leave one →
  1. novembre 18, 2015 2:21 pm

    Bellissimo questo post, me lo sono gustata un sacco rivivendo la Toscana che tanto amo.
    Noi torniamo a Cortona per capodanno, ho appena prenotato!!!

  2. novembre 18, 2015 6:02 pm

    La prossima volta che vieni in Toscana ci dobbiamo trovare, assolutamente!!! E poi sei passata da Bolgheri, praticamente casa mia, uno dei miei posti del ❤️!
    Ah sono Cristina che ha cambiato indirizzo e si è ripromessa di scrivere solo cose su cui non si perita a mettere la faccia, casomai la beccassero!

  3. novembre 19, 2015 1:23 pm

    @ sandra: bello!!!

    @ cristina: la prossima volta la vedo dura visto che sarà per natale ma quella dopo di sicuro! grazie mille per l’aggiornamento sul tuo blog!

  4. novembre 21, 2015 11:20 am

    Sempre bella la toscana.
    Certo, se fosse più ospitale, sarebbe anche meglio.

  5. Anonimo permalink
    novembre 22, 2015 5:40 pm

    Che ti dicevo io? Quando si viaggia bisogna vedere le opere d’arte ,i palazzi e i musei.
    Non i mercatini che sono tutti uguali.E’ una vergogna che tu che hai abitato a Firenze non abbia mai visitato Pal Vecchio, Pal Pitti ecc. ecc. ecc. Meno male che ora rimedierai a queste lacune mastodontiche….. Ciao Nilde

  6. novembre 23, 2015 2:53 pm

    sai che non sono per niente d’accordo? al di là del fatto che i gusti sono gusti, ma poi, non è per niente vero che i mercati sono tutti uguali. il cibo è diverso e riflette la disponibiltà, la cultura e le tradizioni di un paese.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: