Skip to content

Mercoledì e Giovedì

ottobre 14, 2016

Ho fatto la doccia. Finalmente!
Nei primi giorni, a casa di KOK, ho evitato perché la temperatura andava da diaccia marmata a bollente senza vie di mezzo, e mi sono lavata a pezzi.
Contavo di rifarmi con una bella doccia calda a casa dei nepalesi. Ehy! Illusa. Qua l’opzione calda mancava del tutto, solo diaccia era disponibile. Alla fine ieri sono tornata da KOK con la coda tra le gambe.

Mercoledì mattina mercato. Davanti alle bancarelle piene di frutta e verdure bellissime non ho resistito, e ho fatto la spesa.

20161012_112742

Nel pomeriggio giretti, la sera pure.

20161012_180640

20161012_221454

Giovedì Bram è andato a Sintra e io sono rimasta sola. Sarei voluta andare in giro, ma non avendo il minimo senso dell’orientamento avevo un po’ paura.

20161013_100221

La fontana nella piazza mi guardava scintillante, ma era lassù in alto, nel dedalo di stradine marcate dal tempo che mi volevo buttare.

20161013_100308

Alla fine l’ho fatto, camminando piano, prendendo punti di riferimento e scattando foto ai bivi. E ho fatto bene.

20161013_112928

20161013_115720

20161013_122611

20161013_122616

20161013_125907

Quando le nuvole si sono ammonticchiate sono tornata indietro. Due leoni dell’aria beffarda mi hanno indicato la via.

20161013_130115

20161013_131830

Il resto del pomeriggio l’ho passato a cucinare. Delle bruschette con le melanzane affumicate sulla fiamma, un’insalata di patate dolci, fichi e peperoncino, una pasta al cartoccio e la crostata di frutta. Prima di cena ho chiacchierato un po’ con KOK, io e lui seduti sul suo letto, con questa vista qua. È la solita eppure è diversa, col tempo cambia.

20161013_191913

Giro e vedo meraviglie, ho davanti a me una cosa fantastica come il sabbatico, eppure ho dentro di me una sorta di struggimento per tutte le lingue che non parlo, per le esperienze che non faccio, per i posti che non vedrò mai, anche e soprattutto quelli di cui non conosco l’esistenza. Ma sarò ciucca!

2 commenti leave one →
  1. Nilde permalink
    ottobre 18, 2016 6:13 pm

    Sei senz’altro fortunata. Pensa che in Italia chi ha un lavoro se lo deve tenere ben stretto, altro che sabbatico!!!! Ciao fortunella e coraggiosella. Nilde

  2. ottobre 18, 2016 6:15 pm

    già, ma io non vivo in italia. io vivo lontana dalla mia famiglia, dai miei amici, dal bel tempo e dal buon cibo. è una scelta, non è fortuna! :-)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: