Skip to content

Storie piccole da Buenos Aires

aprile 3, 2017

Dopo circa 50 ore di viaggio siamo a Buenos Aires.
3 ore dalla Malesia al Vietnam, 12 da Vietnam a Germania.
Una giornata a Francoforte (atterrati alle 6 e ripartiti alle 23).
12 ore dalla Germania al Brasile, 3 dal Brasile all’Argentina.
Risultato: quello che finora ero riuscita a scampare: il jet lag!
Solo io, Bram no. Col risultato che stamani mi sono svegliata alle 3, ma non ho potuto fare nulla perché avrei svegliato lui.

Verso le 6 mi sono alzata, di pessimo umore. Perché l’incontro con Buenos Aires non è stato dei migliori, con un tassista stronzo. Perché l’appartamento in cui stiamo è piccolino e buio e dopo tutto il sole dell’Asia qua mi sento soffocare. E perché sono profondamente irritata dalla gente che parla solo spagnolo e che continua imperterrita a parlarti in spagnolo senza nemmeno adattare il registro se dici che non capisci. Paradossalmente era più facile comunicare in Asia!

Mi sono seduta nel patio con l’idea di scrivere un post lamentone ma poi mi sono messa a chiacchierare con Vale su WhatsApp.
Vale mi ha detto: “Ma sei scema? Sei sveglia la mattina presto in una città nuova, esci! Fai un giro, guarda l’alba, prenditi un caffè, compra il pane fresco e le brioches calde!”.

Mi ha convinto. Sono uscita in pigiama e ciabatte e ho scoperto che la città era sveglia. E che la gente non si impegna a parlare inglese, ma se parli spagnolo maccheronico uno sforzo per capirti lo fa. Sono riuscita a chiedere “Dove posso comprare del pane?”, ho individuato la panetteria, sono entrata.
Ed è successa una cosa che mi ha fatto uscire con il sorriso sulle labbra.

Mia mamma è di Cremona, non so se l’ho mai scritto. Quando ero piccola mia nonna andava a Cremona una volta l’anno e riportava sempre indietro i pasticcini di Lanfranchi, la mostarda e il panbiscotto. Ora, non so se il panbiscotto sia diffuso anche in altre parti d’Italia, io l’ho sempre visto solo a Cremona.

Stamattina studiavo l’offerta della panetteria per decidere cosa comprare e a un certo punto mi casca l’occhio su qualcosa che mi sembra in tutto e per tutto panbiscotto.

Lo guardo sorpresa, poi leggo il nome.

Sapete come si chiamava..?

… Cremona!

Probabilmente il lascito di qualche immigrato cremonese, chissà quanti anni fa.

Mi è sembrata una cosa incredibilmente poetica!

Annunci
6 commenti leave one →
  1. Stefy permalink
    aprile 3, 2017 2:01 pm

    Ah cavolo, ti lascio nella giungla e ti ritrovo a Buenos Aires! Good! Buona esplorazione del Sud America :)

  2. sally permalink
    aprile 3, 2017 3:16 pm

    …eccoti!! pensa che io mi appresto a passare una settimana con un argentino!! ….sempre x lavoro ovviamente….PS ma davvero il panbiscotto non c’è dappertutto??? pan biscotto con la soppressa?? no??? quante cose diamo x scontate ;)

  3. nilde permalink
    aprile 4, 2017 2:25 pm

    Evviva! L’Italia è nel mondo! Noi crediamo di essere provinciali e sconosciuti invece siamo ER MEJO .Cremona mon amour!!! Ciao bella, divertiti anche in Sud America. Zia Nilde che ora cammina con una sola stampella.

  4. aprile 5, 2017 12:05 pm

    @ Stefy
    Grazie! Ancora non mi rendo bene conto neanch’io di essere qui!

    @ Sally
    Tesoro, non te lo vorrei dire ma anche la soppressa è solo veneta! 💕
    E sul discorso degli americani, bah, è un discorso difficile, hanno fatto del bene e hanno fatto del male… per esempio sia il tizio di Big Brother Mouse che quello di STREETS sono americani. Piuttosto io cerco di non comprare cinese (difficile!!) per altri motivi. Magari ne parliamo a voce la prossima volta che ci vediamo ❤️

    @ Nilde
    Una stampella sola, evviva! Guarisci prestooo!!!

  5. sally permalink
    aprile 5, 2017 2:25 pm

    …Povere le piccoline del mondo che non hanno di queste bontà! ;)

    Ovviamente mai fare di tutta l’erba un fascio, per fortuna le persone splendide ci sono ovunque :))

    besosssssssss guapa! recuperato il jet lag?

  6. aprile 5, 2017 2:28 pm

    No! La mattina mi sveglio presto e la sera mi addormento con la testa nel piatto..! Bacio a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...