Skip to content

Colombia. A Bogotà zuppe, caffè e frutta tropicale. E Botero, e altro.

maggio 9, 2017

Giovedì 4 Maggio

Iniziamo con le buone notizie: siamo a Bogotà!
E abbiamo un biglietto aereo per Panama.
Dove non avevamo in programma di andare, e infatti non so se ci andremo.

Quello che è successo all’aeroporto (alle 2 del mattino, ricordiamoci) è quanto segue. Per entrare in Colombia serve un biglietto di uscita dalla Colombia. Noi non sappiamo ancora dove andremo dopo la Colombia e quindi non ce l’avevamo. Allora ci siamo comprati in fretta e furia il biglietto più economico che siamo riusciti a trovare. Che era, appunto, per Panama!

Non contesto la regola, tanti paesi ce l’hanno e lo sapevamo. Non sempre viene applicata. Siamo stati scemi (e magari un po’ sfigati) noi!

A Bogotà siamo arrivati alle 5 del mattino, dopo una notte praticamente in bianco. Abbiamo fatto il check in all’ostello e abbiamo scoperto che la nostra stanza non sarebbe stata pronta prima delle 15. Ouh!

Stanchi e anche un po’ sudici siamo usciti a fare un giro.

IMG-20170504-WA0059

IMG-20170504-WA0060

IMG-20170506-WA0000

Abbiamo optato per Monserrate, una collina con vista su Bogotà. Si può arrivare in cima con la funicolare e poi l’ultimo pezzo si fa a piedi. È una Via Crucis, ci sono le stazioni. È stato carino nonostante la stanchezza.

IMG-20170504-WA0058

Quel giorno non abbiamo fatto molto, eravamo cotti.

IMG-20170504-WA0049

IMG-20170504-WA0048

Alle 15 abbiamo finalmente potuto fare il check in. Alle 16 è arrivato Carlos, un amico colombiano di Bram. L’idea era quella di fare con lui un giro per La Candelaria, il quartiere in cui stiamo e che è molto carino con l’acciottolato e le casine colorate, ma pioveva. Allora ci siamo limitati a un paio di birre all’ostello. Dopo un po’ è arrivato a sorpresa Daniele, un nostro carissimo amico di Bruxelles che ci ha raggiunto per visitare insieme la Colombia! Cioè non a sorpresa nel senso di inaspettato, a sorpresa perché lo aspettavamo più tardi!

Siamo usciti solo per cena. Ci siamo affidati all’amico di Bram visto che è di Bogotà e ci ha portato in un posto che… ha fatto schifo a tutti!!! Io che non stavo tanto bene (infatti poi quando siamo rientrati mi sono provata la febbre e ce l’avevo) ho preso una pasta in bianco e mi è arrivata scotta e sciocca, ma così scotta che te la mettevi in bocca e si scioglieva! Bleah!! Paste cattive ne ho mangiate ma questa era veramente immangiabile! KOK, Bram e Daniele hanno preso una zuppa che è stata soprannominata “sbobba”.

INFO

Abbiamo pranzato in un posto buono ma non so il nome! Cioè era buono secondo Bram e KOK, io non lo so perché ho preso il riso in bianco.
A cena siamo stati da Antigua Santa Fe, Sabores de Antaño. Mai più!

Venerdì 5 Maggio

La mattina i chicos sono andati a fare un tour guidato e io sono rimasta all’ostello visto che ero un po’ poverina. Sono rientrati, tutti entusiasti, giusto in tempo per il pranzo. Mi hanno portato in un posto carino ma che aveva solo menù fisso, e non potendo mangiare un cavolo io ho pranzato a… pane!

Nel pomeriggio altro tour guidato, stavolta ho partecipato anch’io. Questo era incentrato sul caffè. A quanto pare in Colombia non c’è una cultura del caffè, perché ne producono un sacco ma lo esportano tutto. I contadini che lo producono non sono consapevoli del mercato che ci gira intorno e lo vendono di conseguenza a un prezzo molto più basso del reale valore. Il tour a cui abbiamo partecipato non mira ad attirare tanto i turisti quanto i colombiani, perché l’idea è quella di creare una cultura del caffè nel paese. È stato interessante!

Dopo siamo stati al museo Botero, che mi è piaciuto. Ho preso a Buenos Aires (prima o poi, prima o poi, scriverò anche di Buenos Aires!) l’abitudine di scattare qualche foto nei musei, per farvi vedere i quadri che mi sono piaciuti di più. Di arte non mi intendo per niente quindi il mio è un parere profano! E inoltro faccio le foto da schifo… Comunque!

Flores

20170505_180911

Pareja bailando

20170505_181047

Naranjas

20170505_181143

Bailarina

20170505_182942

E il mio preferito:

Presidente durmiendo

20170505_182813

Altre due opere, non di Botero, mi sono piaciute molto.

Questa è El Louvre, mañana brumosa di Camille Pissarro. Mi è piaciuto perché l’ho visto e ho pensato, Parigi!

IMG-20170506-WA0005

E questo piccolo cardinale è Cardenal sentado, di Giacomo Manzù.

20170505_182602

Dopo il museo siamo passati dall’ostello per riposarci un attimo… e ci siamo addormentati tutti! Siamo usciti che erano le 21, che a Bogotà è tardi per cenare. Abbiamo trovato aperto un posto che faceva hamburgers. Vorrei far notare che i miei ultimi 3 pasti erano stati: pranzo giorno 1 riso in bianco; cena giorno 1 ignobile pasta in bianco; pranzo giorno 2 pane. Ma la sera stavo finalmente meglio, e il mio hamburger non l’ho finito (mi ha gentilmente aiutato KOK) ma oh quanto me lo sono goduto!

Dopo cena Dani e KOK che sono ggiovani sono andati a ballare e io e Bram che siamo vecchi siamo andati a letto!

INFO

A pranzo siamo stati da Quinua y Amaranto. A tutti è piaciuto, io ho mangiato pane.
Cena da La Hamburguesería Candelaria. Al di là del fatto che avevo fame, l’hamburger era buonissimo!

Sabato 6 Maggio

Scrivo dall’aeroporto di Cartagena. Fa caldo qui!

L’inizio della giornata è stato un po’ pulp, coi miei (cioè il mio babbo) che non accendono il telefono e di conseguenza non ricevono i miei WhatsApp e allora si agitano (mi sembrano quello che stava davanti al frigo bendato e urlava HO FAME!) e noi dovevamo fare il check out e io facevo la doccia e la valigia e cercavo di calmare loro tutto al tempo stesso. Poi però quando siamo usciti era così

20170506_114306

e faceva quasi caldo, e tirava un venticello fresco, e per un attimo ho avvertito una sensazione di assoluta felicità. Ma non so se legata al momento o se quel clima, quel vento, quella temperatura mi abbiano riportato a una sensazione felice vissuta in passato di cui adesso non mi ricordo.

La mattinata è iniziata al mercato, un mercato un po’ fuori pieno di frutta tropicale mai vista prima! Ci siamo divertiti a scoprire e assaggiare e ho fatto un po’ di foto (scrause), eccole qua.

Patate (credo), mango e carambola.

Boh, boh e boh.

Pomodori-mango e pomodori-mora.

Pere a sinistra, e quello a destra si chiama feijoa ed è buonissimo. Il sapore mi ha ricordato un po’ un kiwi, ma più dolce.

Granadilla. Mi ha ricordato il frutto della passione.

E infine curuba. Tanto brutto fuori quanto buono dentro!

Dopo il mercato siamo tornati verso il centro in taxi. Lungo la via abbiamo passato una zona parecchio malfamata. Il tassista che ci ha spiegato che si tratta del barrio Santa Fe, e per farci capire bene quanto sia malfamato ha detto È pieno di mendicanti, prostitute, ladri, marijuana, cocaina e gay. …

Per pranzo siamo tornati da Quinua y Amaranto. Di nuovo menù fisso, ma stavolta ho potuto mangiare anch’io!

E dopo pranzo giretti vari: centro culturale Gabriel García Márquez, una bella libreria grande e il museo dell’oro, che devo dire mi ha annoiato un po’.

E poi basta! Poi abbiamo preso l’aereo e siamo venuti a Cartagena, dove siamo ora e dove KOK è appena cascato dal letto!

INFO

A Bogotà siamo stati al Masaya Hostel. Molto, molto carino (anche se mi hanno perso 2 paia di calzini) e con una buona colazione. Clientela molto ggiovane, credo che noi fossimo i più vecchiarelli!

Annunci
5 commenti leave one →
  1. nilde permalink
    maggio 9, 2017 10:06 am

    Sai che Botero vive tuttora a Pietrasanta dove ha una casa in collina e uno studio vicino a Pizza del Duomo? Se quest’estate mi verrai a trovare potremo fare un giro insieme.
    Ciao. Nilde

  2. maggio 9, 2017 12:14 pm

    E’ vero Pietrasanta è piena di Botero! (Bellllaaaa Pietrasanta).
    Ma la febbre? Solo stanchezza?
    Belle le foto, bello tutto direi, a parte la pasta scottissima. Bacio

  3. maggio 9, 2017 2:25 pm

    Ma dai, non lo sapevo!!
    La febbre boh, un misto di stanchezza e pancia non tanto contenta credo, comunque adesso è passata!

  4. cenere permalink
    maggio 11, 2017 8:43 am

    rido ogni volta in cui leggo che prendi la pasta in giro per il mondo e ne rimani delusa. certo che sei ostinata, eh!

  5. maggio 11, 2017 1:22 pm

    Touché!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: