Skip to content

Cronache lampo dall’Alto Adige part #2

febbraio 5, 2018

Seconda parte della cronaca breve dei giorni tirolesi, dai che ce la fo!

Il Mercoledì siamo stati in giro per Oberbozen e abbiamo incontrato dei lama, un Orso e pare ci fossero anche dei cervi ma noi non li abbiamo visti. La neve era ghiacciata e si scivolava un bel po’. Ripassati da casa per un caffè e poi Valdurna. Giretto intorno al lago ghiacciato, mini giretto nel paesino, pranzo. Il giro del lago non l’abbiamo fatto tutto perché quando abbiamo chiesto quanto tempo ci vuole gli avventori locali hanno guardato orripilati gli scarponi da trekking di cui io vado tanto fiera e hanno decretato “Con quelli lì è meglio che tu non vada da nessuna parte”..!
E quindi siamo rimasti lì, ad ascoltare i discorsi dei locali un po’ attempati ma meglio organizzati, che iniziavano tutti con “Quando eravamo su quella panchina al sole…”. Ne riporto uno a mo’ di esempio.
Locale 1: “Ti ricordi quando eravamo su quella panchina al sole e all’improvviso, dal nulla, mia cugina è caduta con la faccia nelle neve? C’è preso un colpo, perché fino a un minuto prima stava super bene!”.
Locale 2: “Sì beh, stava bene… ma aveva 85 anni!!”.
Poi abbiamo fatto un giretto nel cimitero locale e abbiamo notato che quasi tutti avevano lo stesso cognome.
Abbiamo pattinato fino alla macchina e poi siamo andati a fare un giro a Sarentino, che è il paese di Patrick. Rientrando mi sembra che siamo passati da Bolzano per comprare il vino ma non ne sono sicura!
L’unico rimpianto di quella giornata è non aver pranzato a un ristorante sul lago che si chiamava Fischerwirt e che mi ispirava un bel po’.

IMG_20180124_121011_489

IMG_20180124_220543_985

IMG_20180125_080428_486

Il Giovedì siamo partiti presto e siamo andati sul lago di Resia. Era bellissimo, tutto completamente ghiacciato, anche gli alberi. Era anche triste, non ne conoscevo la storia, non sapevo in realtà un sacco di cose sul periodo in cui l’Alto Adige è passato dall’Austria all’Italia. La nonna di Patrick il giorno prima si chiamava Getraud e il giorno dopo Crescenza!
Ah io sono scivolata e mi sono sfracellata sul ghiaccio! Praticamente Bram mi ha comprato un pezzo di pizza coi funghi e io accecata dalla gioia ho teso entrambi le mani per prenderlo. Grave errore! Un attimo dopo ero spalmata sul ghiaccio circondata da funghi! Sono atterrata sulla borsa e col mio dolce peso ho fracassato la metà delle cose che c’erano dentro. Poi mi è preso un attacco di riso isterico e Bram si è preoccupato che avessi battuto la testa e fossi impazzita.
Nel pomeriggio gita a Glorenza, bellina, e poi SPA a Collabo, brutta, non ci andate.
La sera cena a Bolzano con Fede e Patrick, bella serata!

IMG_20180125_145704_758

IMG_20180126_084036_834

IMG_20180127_181336_422

Il Venerdì ce lo siamo preso di riposo e siamo semplicemente scesi a Bolzano che non avevamo ancora visto. Siamo stati in giro e ci è piaciuta. Abbiamo girato in qua e in là, fatto un po’ di spese e pranzato in un posto super mega buono in cui eravamo seduti proprio davanti all’ascensore che porta le pietanze pronte, quindi tutte ci passavano sotto il naso e tutte sembravano da leccarsi i baffi!
Nel pomeriggio siamo andati al museo di Ötzi. Mi è piaciuto tantissimissimissimo, se passate da Bolzano andateci!
Poi io volevo una fetta di Sacher ma le vendevano solo intere e allora ho detto “Va bene, me ne compro una intera, me la tagliate una fetta ora?”. Piccolina 1 – Sacher 0. ^^
La sera siamo tornati da Fede (siamo stati da Fede i due weekend e in un mini appartamento nei giorni lavorativi) e abbiamo cenato a casa con lui. Gli avevo promesso che gli avrei fatto trovare la cena pronta e invece ero così stanca che ha dovuto cucinare lui!

IMG_20180205_121329_432

Il Sabato Fede è venuto in giro con noi.
Prima siamo scesi a Bolzano e siamo tornati a pranzo nel posto buonissimo.
Poi siamo andati all’abbazia di Novacella, bella.
Poi giro a Bressanone, e sotto la guida di Fede (che è architetto) siamo entrati nel chiostro del duomo. Pur essendo già stata a Bressanone non l’avevo mai visto, è in stile romanico ed è qualcosa di meraviglioso!
Dopo Bressanone siamo andati in val Sarentino. Abbiamo parcheggiato e raggiunto Patrick e i suoi amici, con la cabinovia, in una baita dove avremmo cenato. Ci siamo portati le slitte perché l’idea era poi di scendere in slitta. C’era la luna quasi piena e quando la luna è piena o quasi i folli altoatesini scendono di notte senza luci perché, dicono, la neve riflette la luna e quindi ci si vede! Io ero un po’ preoccupata perché avevo paura di lasciarci l’anca. Il Lunedì avevamo fatto un mini corso di slitta e io mi ero già dimostrata per quello che sono e cioè una capra incapace.
Quello che ignoravo è che la vita nelle valli è priva di eventi anzichenò, e che per i giovani virgulti la notte di luna piena è l’evento dell’anno: raggiungono le baite, danzano, si imbriaano ben bene, si disperano per futili motivi legati, sospetto, al tasso alcolico, e poi scendono con la slitta a tutto foo.
Ora, capisco che io per loro ero probabilmente la turista tardona e imbranata che va troppo piano e intralcia il cammino.
Ma loro per me resteranno quelli che mi hanno speronato arrivandomi da dietro a tutta velocità e lasciando un enorme livido viola, nero e giallo sulle mie terga. Lo sfoggio tuttora!

IMG_20180130_090321_231

IMG_20180130_111013_621

IMG_20180130_131908_369

La Domenica io e Brammeke siamo partiti presto. Abbiamo attraversato l’Alto Adige, l’Austria e una buona parte delle Cermania e abbiamo terminato la vacanza in bellezza con una cena pantagruelica nel nostro ristorante preferito. Dopo stavamo esplodendo ma ne è valsa la pena!

Due piccole note.
Uno, sia in Alto Adige che in Germania, se anche il letto è matrimoniale, non ti danno una coperta doppia ma due singole. Perché?!
Due, per rientrare siamo partiti dall’Alto Adige, poi abbiamo attraversato l’Austria, poi la Germania e infine siamo entrati in Belgio dalla parte di lingua tedesca. 4 paesi, una lingua sola!

INFO

Mini info! Mercoledì abbiamo pranzato al Jägerhof; Giovedì a pranzo panini e per cena Cavallino Bianco a Bolzano (la SPA orribile è quella dell’hotel Bemelmans a Collalbo, non ci andate a meno che non siate appassionati di cani che si piantano nelle porte a vetri); Venerdì pranzo al Vögele a Bolzano, che è dove siamo tornati anche Sabato a pranzo ed è buonissimo e vorrei andare a lezione di cucina da loro; il nome della baita in cui abbiamo cenato Sabato non lo so ma se vi interessa lo chiedo a Fede.
La pasticceria che vende la Sacher solo intera è la Lintner a Bolzano.
L’appartamentino in cui siamo stati dal Lunedì al Venerdì faceva parte del residence Lärchenhäusl ed era bellissimo.
Infine, il nostro ristorante preferito è a Traben-Trarbach e si chiama Die Graifen.

8 commenti leave one →
  1. Silvia permalink
    febbraio 5, 2018 11:42 pm

    Che bello qualche esperienza che condividiamo! Anch’io slittinata notturna nello stesso posto (ma credo in un rifugio diverso) e mi sono tanto divertita … anche perché nessuno mi ha investito! Casomai io ho investito KOK durante slittinata diurna 😂 E, checchè se ne dica, NON ho investito PLP!

  2. febbraio 6, 2018 11:59 am

    Sembra tutto bello a parte, la botta e la pizza volante con i funghi sparsi. E la spa brutta.
    Qua ora pioggerella scema e freddino, si sta bene in casa, in effetti. A scrivere nel mio caso specifico :)

  3. febbraio 6, 2018 6:57 pm

    @ silvia, condividiamo ma mi sa che ti sei divertita di più te! ^^

    @ sandra eh già, è stato proprio bello! anche qua adesso freddo! bacio!!

  4. febbraio 7, 2018 10:45 am

  5. Silvia permalink
    febbraio 7, 2018 7:46 pm

    Vorrei anche ringraziare Fede pubblicamente su questo prestigioso blog, visto che dai tuoi racconti si capisce che è un ospite meraviglioso!

  6. febbraio 8, 2018 8:01 am

    Ahahah, perché secondo te Silvia Fede legge il blog! Gli faccio uno screenshot va’!

  7. febbraio 8, 2018 6:23 pm

    Grazie per avermi liberato. Ci tenevo tanto a mandarti i fiori! Baci.

  8. Silvia permalink
    febbraio 8, 2018 6:56 pm

    Non so se Fede legge il blog, in effetti non sono tanto ottimista nemmeno che guardi lo screenshot su WhatsApp, ma chi legge ora sa che apprezziamo Fede E questo è un grande onore, anche se lui non lo sa 😄😎

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...